Firma Protocollo Intesa Provveditorato alle Opere Pubbliche per la Sicilia e la Calabria

24 novembre 2017

PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE NELL’ATTIVITA’ DI BONIFICA DELLE DISCARICHE ABUSIVE OGGETTO DI SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA UE

Firmato il Protocollo di Intesa con il primo dei 3 Provveditori alle Opere Pubbliche

Roma, 24 novembre 2017- Oggi alle ore 13.00, nell’ufficio del Commissario presso il Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare Carabinieri in via Carducci, 5, il Gen. B. CC Giuseppe Vadalà ed il Provveditore Interregionale alle Opere Pubbliche per la Sicilia e la Calabria ing. Donato Carlea hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa per l’esecuzione dei lavori di bonifica di alcuni siti assegnati al Commissario.

Il Provveditorato di Sicilia e Calabria è il primo dei tre Provveditorati alle Opere Pubbliche con cui si attiveranno gli accordi, e che darà il supporto tecnico alle opere che vanno dalle bonifiche alla riqualificazione ambientale.

<L’obiettivo principale è bonificare i siti oggetto di commissariamento il più celermente possibile per diminuire ed azzerare l’importo della sanzione europea, ma consideriamo altrettanto importante bonificare bene, in modo da restituire alla collettività questi luoghi, recuperando i territori come risorsa vera e propria> sottolinea il Commissario, e aggiunge <dobbiamo assicurare la trasparenza della spesa e con i Protocolli che stiamo perfezionando con le differenti stazioni appaltanti qualificate poniamo la massima attenzione anche al legittimo impiego delle risorse e dei lavori da portare a termine nei siti di due importanti Regioni, Calabria e Sicilia e penso al sito di Campi Fontana in Augusta dove sarà importante la collaborazione con il Provveditorato alle Opere Pubbliche di Sicilia e Calabria >.

Il Provveditore ing. Donato Carlea, in conclusione di incontro, afferma: <Orgogliosi di fornire il nostro contributo per la salvaguardia e il miglioramento del territorio di due splendide Regioni che rappresenta per le stesse una delle prime e più importanti ricchezze.>

Tale target non può che essere condotto garantendo nel contempo l’attento impiego dei fondi assegnati con la Contabilità speciale attivata allo scopo in ragione della normativa giuridica vigente.Per questo sono state attivate da subito le procedure per l’impiego dei suddetti fondi per i lavori da svolgere e delle gare da effettuare, in conformità a quanto previsto e disciplinato dall’art. 10 del Dlgs 24 giugno 2014, n.91 - Comma 4 - che consente al Commissario di avvalersi, fra le altre, anche delle società a totale capitale pubblico, diversificando le fonti di spesa fino al numero di sette stazioni appaltanti complessive che hanno dato la disponibilità a operare sulla base della manifestazione d’interesse promossa dal Commissario.

Il 2 dicembre p.v. si approssima la scadenza della sesta semestralità di pagamento della sanzione UE e saranno presentati per la prossima espunzione dalla procedura altri 5 siti, sui 73 affidati al Commissario e rimasti in procedura d’infrazione, proprio a dimostrazione che i progressi sono cadenzati ma continui. Con la firma di tutti gli altri Protocolli, e l’avvio delle procedure di gara, il 2018 e il 2019 saranno gli anni in cui si darà maggiore impulso ai lavori di bonifica.ù

L’attività di collaborazione da effettuare con il Provveditorato alle Opere Pubbliche Sicilia e Calabria si svolge nell’ambito del complessivo impegno che il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sta assicurando su questo importante dossier con l’apporto della task force specializzata dell’Arma dei Carabinieri individuata presso il Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare a disposizione del Commissario di Governo.  

Il traguardo della riqualificazione ambientale connotato dalla trasparenza nel raggiungimento dell’obiettivo si pone al centro di questi Protocolli di Intesa e di collaborazione, altro importante elemento che aggiunge valore al progetto di bonifica e riconversione in continua evoluzione del Governo e del Commissario.

Torna all'inizio del contenuto