Firmato Protocollo di collaborazione INGV

19 febbraio 2018

La strumentazione tecnologicamente avanzata coadiuverà le indagini ambientali sui siti di maggior interesse.

Roma, 19 febbraio 2018- Il Gen. B. CC Giuseppe Vadalà ed il Prof. Carlo Doglioni, Presidente dell’INGV, alla presenza del Direttore generale dott.ssa Maria Siclari, hanno sottoscritto in data odierna un Protocollo di collaborazione per il monitoraggio geofisico delle discariche abusive presenti sul territorio nazionale di cui alla Sentenza della Corte di Giustizia dell’UE del 2 dicembre 2014.

Il presente accordo ha lo scopo di realizzare un’azione incisiva e continuativa di collaborazione per la salvaguardia dell’ambiente e del territorio, per la promozione della sostenibilità nelle attività di bonifica e messa in sicurezza delle discariche abusive con particolare riguardo ai protocolli di analisi da eseguire e da adottare per l’implementazione della legalità in tale settore di intervento.

<L’INGV è un partner collaudato anche nella ricerca ambientale dei sottosuoli> afferma il Commissario, e aggiunge <e collaborera’ con questo Ufficio all’importante missione di recupero e di bonifica per il Paese>

L’INGV metterà a disposizione le proprie competenze in questo settore e le esperienze maturate in oltre 20 anni di attività geofisica in campo ambientale svolta con le forze di polizia su tutto il territorio nazionale, avviando una importante collaborazione per sondare e monitorare i siti oggetto di indagine.

Il Dr. Marco Marchetti, responsabile scientifico dell’accordo, si occuperà delle indagini geofisiche dei siti da bonificare per migliorare la conoscenza dell’assetto del sottosuolo, per l’individuazione di interramenti di rifiuti e di eventuali forme di inquinamento sotterraneo.

Prosegue così il lavoro finalizzato a valorizzare la sinergia tra il sistema pubblico della ricerca, lo Stato e le imprese messo in campo dal Commissario per raggiungere rapidamente e nella massima trasparenza ed efficacia l’obiettivo di bonifica e risanamento dei siti a lui assegnati.

Torna all'inizio del contenuto