Si conclude in maniera apprezzabile il convegno “TERRITORI DA RISANARE, L’IMPEGNO ED IL RUOLO DELLE STAZIONI APPALTANTI, DELLA BANCA DATI DI LEGALITA’ PER LE BONIFICHE DEI SITI INQUINATI tenutosi a Roma il 23 gennaio u.s.

24 gennaio 2020

Roma, 14 gennaio  –  “Oggi ancora una giornata dedicata al lavoro per le bonifiche, ma fatte in piena legalità. Si perché non permetteremo mai più che possano finire nelle mani sbagliate, sono troppo importanti e per raggiungere questo obiettivo ci stiamo lavorando tutti assieme e con determinazione, cambieremo le norme e le miglioreremo. Per il MoVimento 5 Stelle e per il nostro Governo l’ambiente è al primo posto, lo stiamo dimostrando in tutti i modi possibili, ma soprattutto con i fatti, mettendo in pratica quello che diciamo e con la grande guida del Ministro Sergio Costa”.

Queste le parole della Senatrice Moronese in merito al convegno promosso dal Commissario Vadalà, tenutosi presso il Comando Carabinieri Forestali di Roma. 

Continua e conclude la presidente della Commissione Ambiente:  “Lo dico con fermezza ancora una volta e con convinzione, abbiamo l’urgenza di mettere in atto procedure di bonifica e risanamento ambientale efficaci - efficienti e nel pieno rispetto della legalità, non solo perchè ce lo chiede giustamente l’Europa, ma anche e soprattutto perchè è compito delle Istituzioni tutelare la salute e il benessere dei cittadini. L’esperienza maturata dal Gen. Vadalà e da tutta la struttura altamente specializzata dell’Arma dei Carabinieri, ci insegna che è possibile fare bene e fare in fretta. Ho apprezzato, in particolare, il metodo e la capacità difare squadra, che ha dimostrato che la ricerca della sinergia e della collaborazione tra tutti i soggetti istituzionali coinvolti nei processi di bonifica è la chiave per raggiungere risultati rapidi ed efficaci senza nessuna deroga al codice degli appalti e nel continuo presidio della regolarità dei lavori. La collaborazione quindi, ma anche il lavoro congiunto con Enti altamente specializzati e qualificati, come l’Unità Tecnica Amministrativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono stati aspetti fondamentali e determinanti per la buona gestione delle istruttorie di bonifica..”

In accordo anche le parole del Commissario Gen. Vadalà: “il  metodo operativo  sviluppato è indubbiamente  un  fattore risolutivo e vincente, ed il tema della legalità nei processi di bonifica è un obiettivo cardine della nostra condotta. Concordo con quanto espresso dalla Senatrice perché nei settori che riguardano il trasporto, la gestione e il trattamento dei rifiuti, è necessario lavorare senza mai abbassare la guardia”. Conclude “E’ essenziale quindi mettere in atto tutte le azioni utili a prevenire che fenomeni corruttivi e malavitosi possano compromettere bandi o appalti finalizzati alla bonifica di siti e di beni, poiché è convinzione che  utilizzare strumenti creati ad hoc, quali la Banca dati di Legalità per le bonifiche dei siti inquinati, siano dispositivi efficaci per il raggiungimento degli scopi di risanamento ambientale,  salvaguardando la legge, il diritto e le buone pratiche ed escludendo a priori  le condotte illegali, illegittime ed arbitrarie, al fine di far prevalere i soggetti capaci, integerrimi e trasparenti  in modo che vinca unicamente il “Paese per Bene” .

Ufficio Comunicazione – Struttura di supporto al Commissario

Magg. CC amm. RT Alessio Tommaso Fusco

segreteria.bonifiche@governo.it         06/4665 7076-77

Torna all'inizio del contenuto